Iscriviti alla newsletter
 
 

Percorsi di consapevolezza ed evoluzione personale

Tantra dell'Origine

 
 


Benvenuti

Sono Lalita Kamala, guida nei percorsi del Tantra dell'Origine Translife.

In molti si domandano cosa sia il Tantra e cercando sul web trovano molte informazioni devianti che creano confusione. Ma a parte questo, nella ricerca o nella curiosità di chi si avvicina al Tantra, si avverte  che c’è il desiderio di scoprire qualcosa; la  propria energia vitale che altro non è se non la propria vera sessualità; qualcosa che va oltre a quella modalità ripetitiva e meccanica che c’è stata  insegnata fin da piccoli.


La parola TANTRA racchiude una vasta gamma di significati. Essa indica la “trama di un tessuto”; è una pratica magica e spirituale come un’opera d'arte, con risvolti di consapevolezza. Come lo svolgimento di una cerimonia. Esprime la continuità, la successione e la discendenza.
Tentare di definire questo termine non è facile, ma è necessario al fine di evitare definizioni errate.


La parola Tantra deriva dalla radice tan - “ espansione” e tra “ liberazione”. Con  la parola Tantra si indica un insieme di esperienze secolari volte all'espansione dell'ordinario e della coscienza. Questo include tutti gli aspetti della vita ed il Tantra è, fra tante, l'unica via in cui viene compiuta l'ardua sintesi tra gioiosa accettazione e liberazione.


Nonostante il Tantra, in occidente, abbia avuto una grande diffusione in questi tempi, soprattutto per il suo utilizzo di alcune pratiche sessuali e bene chiarire come ciò sia solo una piccola parte di quello che è la pratica tantrica: essa è una combinazione tra corpo e mente, gioia e spiritualità, intesa come l’entrare nel proprio tempio, riscoprendo ciò che siamo realmente. Attraverso la pratica tantrica arriviamo a conoscere noi stessi e i nostri canali energetici, ripulendoci dai condizionamenti. 


Per questo la meditazione  e la centratura sono una parte importante di questa  pratica. E solo quando il discepolo arriva ad un certo stadio di consapevolezza, tramite il controllo dell'energia vitale, diviene possibile utilizzare anche il sesso per favorirne la crescita spirituale.
Per il non iniziato l'atto sessuale è un esperienza limitata nello spazio (perché è centrata sugli organi sessuali) e ha un tempo di breve durata, quindi limitato ad un istante di piacere fisico-meccanico. Mentre grazie al Tantra l'iniziato potrà espandere la propria percezione della sessualità, trasformandola in un’esperienza divergente, a cui partecipa ogni cellula del suo corpo e ogni fibra del suo essere e in cui il tempo nella sua accettazione comune, cessa di esistere.


L’iniziato giunge a questo risultato incanalando l'energia risvegliata dalle pratiche Kundalini, attraverso i canali sottili chiamate anche nàdì, portandola da muladhara chakra, dove normalmente risiede, fino a sahasrara chakra, toccando, durante  l'ascesa, tutti i centri energetici principali del corpo.


L’individuo non nasce duale ed il Tantra lo porta sulla via per tornare all'UNO.



Il Tantra dell'Origine

L'Essenza dell''individuo che vive nella dimensione tantrica (il tantrika), ci aiuta a comprendere cos'è realmente il Tantra: una Via che, camminando in parallelo con le tecniche di Liberazione del Sé, nate dalla scoperta della DoubleMATRIX, porta alla riconnessione col Sé (clicca qui per scaricare gratuitamente il Primo Capitolo del libro che tratta della scoperta).


L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni; e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi. (Khalil Gibran)


Il Tantra dell’Origine è anche tecnica e nella tecnica si può essere più o meno efficaci, in base ai doni energetici individuali; questo aspetto non è di rilevanza primaria nella pratica tantrika. Mentre ciò che è imprescindibile per arrivare all’essenza di sé, è il fare Tantra con chi è sulla via della Liberazione del sé.
Nel Tantra c’è energia che gira tra il mandante e il ricevente e di conseguenza, se l’energia non è pulita, l’informazione energetica che arriva, non è tantrica, soprattutto se la maestra di Tantra pratica vita di coppia. Tantra Translife è lo spirito della vera essenza del Tantra, quello originario, e viene trasmesso solo a persone sulla via della Liberazione del  Sé.


L’uomo cosiddetto normale vive generalmente in una dimensione sessuale in cui viene data estrema importanza al sesso meccanico, dimensione a cui l’individuo viene abituato e programmato già durante l’infanzia; perché quella modalità sessuale è stata selezionata dal sistema-matrice, in quanto più idonea alla procreazione.
Infatti la cosiddetta dimensione di normalità, in cui vige l’ideale di monogamia (la monogamia, sia “scientificamente” che culturalmente, non appartiene a homo sapiens) porta ad un livello di repressione sessuale costante che a sua volta alza i livelli delle sostanze che producono eccitazione sessuale, sia nell’uomo che nella donna.
Sulla via della libertà assoluta e quindi  fuori dalla perversione sessuale a cui porta la coppia e la monogamia, la sessualità viene riscoperta in quanto fluido, profondo e intenso contatto armonico, generatore di energie, di guarigioni e di riconnessione con sé e con il tutto.



Riscoprire il nostro corpo, i nostri sensi e la nostra energia sessuale

“L'osservazione di sé” è il percorso che attraverso le tecniche di connessione energetica con la natura e gli elementi, guida in un viaggio alla scoperta della nostra vera essenza che emerge Liberandosi da quella falsa, attribuitaci dai condizionamenti.


Per il Tantra prendersi cura del proprio corpo significa conoscerlo profondamente, ecco perché il contatto col proprio corpo è importante. Chiediti qual è stata l'ultima volta che ti sei toccata/o, e cosa hai percepito, ti accorgerai che non lo hai mai fatto se non come semplice abitudine, quindi lo stretto necessario per poi dimenticarsi chi siamo. Accade proprio così: le persone sono quasi congelate, si portano dietro il corpo senza conoscerlo affatto, pieno di tabù e chiusure com’è.


Nel Tantra potrai riconnetterti con la parte più profonda di tè che è la tua anima, attraverso l’espressione della tua energia vitale. Questa energia attraverso la porta del corpo, potrà fluire dalla punta dei piedi fino alla sommità del capo; un’energia dimenticata o addormentata che aiuta a liberarsi dai condizionamenti imposti.


Accudire il tuo corpo, venerarlo e prenderti cura di esso, è un dono che ti rivelerà grandi misteri.
Il Tantra parla dei sensi che sono le porte della percezione; essendo questi offuscati, vanno riaccesi e ripuliti dalla polvere che negli anni ha velato la loro vera natura.


Il Tantra è lo scoprire attraverso il tocco, l'odore, il gusto, gli occhi e l'udito, il tuo essere nel pieno della consapevolezza, sentendo che tu ora esisti.
Il linguaggio del Tantra è soprattutto contatto attraverso te stesso.


Con il Tantra dell’Origine compi un’evoluzione che ti porta a conoscere anche gli altri, riscoprendo il vero te stesso che ama incondizionatamente.
Non seguendo più uno schema, ti lasci avvolgere dalla tua energia vitale e creativa che è quella che ti fa vivere, sperimentare, giocare e spostarti nello spazio, come fossi un delfino felice, semplicemente perché esisti. Infatti nel Tantra va spenta la mente. 

Il Tantra insegna a lasciare andare la mente nevrotica e i pensieri ossessivi e così facendo, attraverso il silenzio, a riscoprire quella parte di sé che ama abbandonarsi allo stato del silenzio, in una dimensione di assoluto rilassamento mentale e quindi di connessione con la terra e l'universo.

Usa ogni tuo momento, per staccarti dal rumore della mente.



Le tre consapevolezze del Tantra sono:

Lascia che la tua mente si riempia di pensieri, osservali rimanendone distaccato e piano piano ti accorgerai che esistono molte paure collegate all’idea del silenzio;

Quando ti accorgerai del silenzio, porta l'attenzione su te stesso in quanto osservatore e scoprirai che ci sono altre paure e altri silenzi;

Osserva senza giudizio e i pensieri inizieranno a svanire e sorgerà il silenzio vero.

Ora sei entrato nella trascendenza.

La gente ha abitudini e modalità di fare l'amore fisse, con posizioni solite. Cerca di scoprire altri modi di percepire la tua energia, ogni esperienza creala con grande sensibilità seguendo la tua anima.


Quando hai contatto con un uomo o con una donna, trasforma questo in una celebrazione. Non dimenticandoti di te stesso, quindi senza aspettative, facendo quello che è nella tua profonda essenza, senza schemi alcuni ma solo facendo quello che vuoi, ascoltandoti in ogni tuo senso. Danza, fai una corsa nel bosco, prega, celebrala la tua vita, arricchendola di creatività. 


Ogni esperienza  d'amore creerà in tè memorie nuove e così tua sensibilità non sarà mai spenta, ne si annoierà. In tal modo non ci sarà nessuna routine da soddisfare, in quanto sono contro natura e possono solo spegnere la tua energia vitale. Divenendo creatore di te stesso, proverai un giovamento unico e irripetibile.

 
 
 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.